La Nuova Venezia 24 gennaio 2018
“Mira in Comune” protesta «Non togliete i dissuasori»
MIRA «Togliere i dissuasori da via Argine destro e sinistro sarebbe un passo indietro clamoroso rispetto a un’operazione, che ha notevolmente migliorato la sicurezza lungo le due strade. Il Comune si confronti con i residenti della zona, prima di fare qualsiasi scelta. Siamo pronti a scendere in piazza con i cittadini a protestare». È la dura presa di posizione di “Mira in Comune” con la consigliera Lavinia Vivian alla notizia secondo la quale i limitatori di velocità, dopo una ispezione del Ministero dei Trasporti, sono fuori norma.L’installazione dei dissuasori fu messa in atto dall’amministrazione grillina, ma, dopo un percorso partecipativo promosso dal Movimento Mira 2030 e dall’associazione Hylarius con i residenti, e a seguito della morte di un ragazzo di 14 anni e di altri incidenti avvenuti negli anni. La scelta delle soluzioni migliori per ridurre la velocità dei veicoli e migliorare l’annoso problema della sicurezza delle due strade fu oggetto di animate discussioni. «Il confronto permise», spiega Vivian, «di trovare la quadra e di definire un progetto condiviso dalla stragrande maggioranza dei cittadini interessati: siamo pronti a scendere in piazza con i residenti». (a. ab.)