La Nuova Venezia 30 novembre 2019
«L’amministrazione del sindaco Marco Dori è sorda alle istanze dei cittadini. Come opposizioni ci sentiamo sbeffeggiati da atteggiamenti superficiali di sufficienza e supponenza della maggioranza. Le altre opposizioni sono mute». Questi i temi affrontati ieri sera in un’assemblea pubblica a Borbiago da parte delle consigliere Lavinia Vivian della lista Mira in Comune e Marta Marcato di “Mira Siamo Noi”. Una assemblea pubblica dal titolo evocativo: “1 + 1 = 20, tutta la verità sull’amministrazione comunale di Mira”. Le consigliere hanno fatto un elenco dei temi sollevati e su cui non sono state date risposte. «In alcuni casi la maggioranza ha fatto proprie soluzioni che avevamo proposto noi, come quelle sulla riduzione imposte a chi agisce contro lo spreco alimentare», dicono Vivian e Marcato, «Su temi come il Pat, i tagli agli ospedali, la Romea, abbiamo chiesto un intervento incisivo, ma abbiamo assistito ad azioni fumose ed inconcludenti, dettate da logiche politiche di piccolo cabotaggio». Fra i temi che le due consigliere con insistenza pongono all’attenzione dell’amministrazione, ricordando che rappresentano il 20 % del consenso uscito dalle urne del 2017, ci sono le Grandi Navi, il distretto sanitario, la riorganizzazione del comando della polizia locale. «Sulle Grandi Navi», dicono Vivian e Marcato, «il sindaco ha detto di essere d’accordo di portarle a Marghera, mentre la nostra posizione è che stiano fuori dalla laguna. La realizzazione del nuovo distretto sanitario è un tormentone che continua da anni e ogni volta sembra quello giusto per la soluzione che poi viene rinviata». «La riorganizzazione dei vigili urbani dopo la vicenda dei vigili sceriffi?», si chiede la Vivian, «Non è partito nulla, il comandante è ancora al suo posto». Le consigliere puntano il dito anche su temi specifici: «Per quanto riguarda l’impianto sportivo di Valmarana, le aree mercatali e Forte Poerio non ci sono state risposte ed azioni amministrative incisive. Sulla vicenda dei mezzi pesanti e la sicurezza sulla Brentana ci è stato detto che l’amministrazione sta lavorando ad una soluzione. Sarebbe importante che fosse fatta in fretta, visto i tragici incidenti delle ultime settimane. Questa amministrazione è sempre presente sui social , ma al di là di proclami e annunci la sostanza è pochissima»