La Nuova Venezia 19 dicembre 2019
L’opposizione incalza sul bilancio «Servono più fondi per l’ambiente»
Si discute stasera alle 19 a Mira di bilancio in consiglio comunale e le consigliere Lavinia Vivian (Mira in Comune) e Marta Marcato (Mira siamo noi) chiedono di destinare una piccola parte della “manovra” del Comune al tema ambientale. «Pensiamo sia importante dare un segnale» affermano le due consigliere «Chiediamo al Comune di stanziare per il 2020 almeno 25.000 euro da dedicare al capitolo “sostenibilità ambientale”. Una erogazione di incentivi per la riforestazione urbana di almeno due ettari di superficie di proprietà comunale, installazione di almeno una centralina per il monitoraggio della qualità dell’aria, in particolare per quanto riguarda le polveri sottili. Accuse respinte al mittente dall’Amministrazione, secondo cui il bilancio tiene già in grande considerazione il tema dell’ambiente.(A.Ab.)

 —

 

 IL COMUNICATO STAMPA

Una goccia del bilancio per l’ambiente. Marta Marcato (Mira siamo noi) e Lavinia Vivian (Mira in comune) chiedono di destinare una piccola parte della “manovra” del Comune ad un tema particolarmente importante.
“Giovedì 20 dicembre – spiegano le due consigliere d’opposizione – il Consiglio Comunale di Mira discuterà il bilancio 2020. Noi sappiamo bene di non potere incidere molto sui numeri di questo bilancio. Ma avendo molto a cuore le tematiche ambientali, pensiamo sia importante dare un segnale. Ci avevamo provato un anno fa ma la nostra richiesta era caduta nel vuoto. Ci riproviamo anche quest’anno: chiediamo al Comune di stanziare per il 2020 almeno 25.000 euro da dedicare al capitolo “sostenibilità ambientale”. Ecco qualche suggerimento (sarebbe bello poterli realizzare tutti, ma contiamo sulla sensibilità della maggioranza per accoglierne almeno uno): erogazione di incentivi per la riforestazione urbana di almeno 2 ettari di superficie di proprietà comunale, eventualmente con il coinvolgimento di associazioni del territorio competenti e sensibili sul tema; installazione di almeno una centralina per il monitoraggio della qualità dell’aria, in particolare per quanto riguarda le polveri sottili; attività di comunicazione ambientale rivolta ai cittadini sui temi dell’inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici… Si tratta di una piccolissima cifra, ma sarebbe un segnale importante. Siamo pronte a proporre un emendamento al bilancio, augurandoci la più ampia convergenza su una tematica come questa: ci è stata già segnalata quella dei consiglieri 5 Stelle, speriamo arrivi anche quella degli altri gruppi”.