Il comunicato congiunto di Opzione Zero e altre realtà politiche e sociali della provincia di Venezia, sui fatti accaduti martedì 11 febbraio durante il Consiglio Comunale di Mira, quando Mattia Donadel  – storico attivista ambientalista della Riviera del Brenta – è stato violentemente allontanato dai carabinieri mentre si stava tenendo la discussione sull’inceneritore di Fusina.

La vera notizia sul Consiglio Comunale di Mira di lunedì 10 febbraio è che il PD mirese, insieme alla lista Dori, Gente di Mira e Lista Fucsia, hanno gettato la maschera e si sono schierati con Veritas a favore del progetto del nuovo inceneritore, un ecomostro che brucerà quantità abnormi di rifiuti tra cui anche fanghi contaminati da PFAS, e che avrà sicuri e gravi impatti sulla salute di centinaia di migliaia di persone e sull’ambiente. Una responsabilità politica gravissima che sta in capo prima di tutto al Sindaco Marco Dori, colui il quale dovrebbe tutelare la salute dei cittadini miresi.

A votare contro l’inceneritore solo Mira in Comune, con la consigliera Lavinia Vivian, il Movimento 5 Stelle, e Albino Pesce del gruppo di maggioranza Articolo 1 – MDP.

Quanto accaduto al Presidente del Comitato Opzione Zero, che lo ricordiamo era tra i relatori invitati al Consiglio Comunale, è un fatto gravissimo, lesivo dei diritti democratici, e indegno per un Comune come Mira da sempre aperto al confronto politico e sociale.

A rileggere i fatti, e rivedendo le videoriprese della seduta, sembra che qualcuno abbia cercato scientemente la provocazione. Forse proprio per tentare di mettere in secondo piano il merito della discussione, nonché le difficoltà e le responsabilità dell’amministrazione comunale di fronte alle scelte che di lì a poco avrebbe compiuto.

Le decine e decine di persone intervenute in Consiglio, così come gli attivisti di molte associazioni e comitati hanno seguito l’intera seduta dell’assemblea in modo assolutamente tranquillo, limitandosi all’esposizione di cartelli, ad applausi di consenso, e a qualche commento di disappunto. Una partecipazione pacifica, attenta e determinata a manifestare la propria legittima preoccupazione rispetto al progetto di Veritas e Bioman, nel pieno rispetto delle istituzioni e nel pieno esercizio dei propri diritti democratici. Chi parla di insulti, imprecazioni e di tensione forse ha visto un altro film, perché invece era interesse degli stessi comitati che il Consiglio Comunale arrivasse al voto sul documento che chiedeva lo stop dell’inceneritore.

L’allontanamento di Donadel è stato disposto dal Presidente del Consiglio Comunale, e forse anche dal Sindaco, a seguito di uno scambio verbale tra lo stesso Donadel e il Direttore di Veritas entro i termini della normale dialettica politica, concluso in pochi secondi. E’ stato l’atteggiamento aggressivo e sproporzionato dei vigili urbani e successivamente dei Carabinieri a determinare la tensione e il parapiglia, durante il quale numerosi testimoni escludono ci siano stati atteggiamenti di aggressione (calci o pugni) verso le forze dell’ordine. Del tutto immotivato ma vergognoso e scandaloso, l’ammanettamento di Donadel, quando ormai la situazione era tornata tranquilla. Un susseguirsi di azioni, allontanamento e poi ammanettamento, che risultano inquietanti e svelano un pericoloso attacco al diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, come sancito dalla nostra Costituzione.

Intollerabile il comportamento del Presidente del Consiglio Comunale di Mira, che ha dimostrato una totale inadeguatezza, e pertanto ne chiediamo le dimissioni immediate. Altrettanto imbarazzante, per usare un eufemismo, è stato il comportamento delle forze dell’ordine. La sproporzione nell’uso della forza pubblica si dimostra purtroppo una costante negli ultimi tempi, soprattutto quando la protesta e il dissenso dei cittadini verso scelte sbagliate e pericolose si radica, cresce e diventa consapevole. Tira una brutta aria in Italia e non solo. Ma si sappia che comitati e movimenti che lottano per la giustizia climatica e ambientale non temono l’ombra delle repressione, e sono più determinati che mai ad andare avanti.

OpzioneZeroMedicina Democratica, Comitato contro il rischio chimico Marghera, MalaCaigo – Riviera del BrentaLaguna Ambiente Archivio AmbienteVeneziaEcoistituto del Veneto Alex LangerEddyburg, Cobas organizzati comune di Venezia, Laboratorio Venezia, Quartieri in MovimentoMarghera Libera e Pensante